VII° International Congress - Blood Donation and Transfusion Medicine




  • 19/04/2017




Nella splendida cornice di Castel Dell’Ovo si è tenuto il 7° congresso internazionale sulla donazione del sangue e della medicina trasfusionale, evento patrocinato dalla Regione Campania e dal Comune di Napoli che ha concesso la location.

Un meeting riservato agli addetti ai lavori, relatori e moderatori da ogni parte del mondo oltre a ospiti illustri del nostro paese hanno confrontato le loro esperienze ed arricchito i partecipanti di ulteriori ed utili conoscenze nel campo della trasfusione, con la finalità di migliorare sempre il nostro servizio nella società.

È stata presentata, inoltre, la nuova unità di raccolta mobile di plasma in aferesi.

La Regione Campania è all’ultimo posto in Italia nella produzione di plasma (per la produzione di emoderivati salvavita); il Centro Nazionale Sangue ha indicato nel programma nazionale 2017/2020 che il sistema trasfusionale deve incrementare del 40% la sua produzione di plasma in aferesi. AVIS Campania raccoglie la sfida offrendo il suo contributo fattivo per la risoluzione di quanto assegnatoci presentando alla regione Campania il programma “Plasma Campania 2016/2020”.

Nella classica cornice di Castel Dell’ovo si è tenuto il 7° congresso internazionale sulla donazione del sangue e della medicina trasfusionale in genere, sempre patrocinato dalla regione Campania, non sono mancati i ringraziamenti sia al Presidente della nostra regione Vincenzo de Luca che al Sindaco di napoli Luigi De Magistris.

Il tema principale è stato il plasma: I vantaggi di questo prezioso liquido, l’importanza di salvaguardare il donatore, l’impegno a promuovere più la donazione di plasma per reclutare nuovi donatori;l’abbiamo già anticipato varie volte dalle colonne del nostro notiziario, il plasma sarà il futuro dell’intero sistema trasfusionale a livello mondiale.

L’obiettivo principale da perseguire è tutelare il diritto alla salute dei donatori e di coloro che hanno necessità di essere sottoposti a terapia trasfusionale, recita l’art. 2 dello statuto dell’Avis.

Quindi il modo migliore per tutelare tale diritto è investire nella formazione degli operatori al più alto livello. Non sarà un cammino in discesa, questo è certo, ma nessuno si tirerà indietro per fare la propia parte. Le risorse ci sono per raggiungere quello che ci siamo prefissati!

Rilanciamo l’appello ai nostri lettori e donatori a contattare la nostra sede per telefono o per email per prenotarsi alle prossime raccolte di plasma che faremo nei prossimi giorni e dare il nostro contributo per crescere e allinearsi alle altre regioni italiane.

Con il sangue siamo riusciti ad essere autosufficienti, siamo sicuri di poterci ripetere anche con il plasma.

Altre News

Galleria fotografica

Vedi le altre foto...